Piccolo report sull’accessibilità

Ho confrontato quattro siti (Politecnico di Torino, Politecnico di Milano, Massachusetts Institute of Technology e Università di Delft) usando i siti Wave e Colorblind Web Page Filter. Ecco l’immagine di quanto ottenuto sul sito Wave il 9 febbraio 2020 per il sito del Politecnico.

Nella data specificata il report generato da Wave al riguardo del sito del Politecnico dava un punteggio migliore di quello del Politecnico di Milano e dell’Università di Delft. Il sito più efficace era quello del MIT, che presentava pochissime carenze. Va ricordato che i risultati del test cambiano al cambiare del momento in cui si effettua il test.

I problemi maggiori del sito del Politecnico erano rappresentati da testi per i quali non era possibile cambiare la dimensione e collegamenti vuoti. Nella data del test non erano presenti problemi di contrasto, che però possono apparire se cambiano le immagini nella parte centrale del sito. Il sito presenta poi dei colori che rappresentano una scelta stilistica di Ateneo (ad esempio, arancione e blu) e che quindi non possono essere cambiati con facilità. S potrebbe pensare ad una versione opzionale del sito ad alto contrasto per ovviare al problema (credo basti un diverso file di stile .css).

Sicuramente possono essere pensate variazioni per limitare i problemi di accessibilità (nel caso del sito del Politecnico credo con poca fatica), ma non so quantificare il peso dal punto di vista della programmazione del sito e della sua successiva manutenzione. Personalmente tendo di solito ad aumentare al 110-120% le dimensioni della pagina, ma si tratta di una piccola scorciatoia (possibile con tutti i browser) che non risolve totalmente i problemi, soprattutto nel caso di gravi disabilità.