Le lezioni del corso di sociologia dei processi economici di cui sono titolare constano di una sessione di studio interattiva dedicata alla valutazione. La sessione è concepita come una valutazione di tipo formativo in itinere. Gli studenti consegnano nel loro eportfolio le esercitazioni e i test eseguiti, il docente corregge le prove e trasmette agli studenti la valutazione, indicando i punti di forza e di debolezza dell’esercitazione e chiedendo loro, in numerosi casi, di elaborare, sulla base della valutazione ricevuta, nuove esercitazioni.

Il corso EduHack mi spinge a differenziare il processo di valutazione e ad elaborare una strategia valutativa composta da tre distinte fasi realizzate in tre successivi momenti di fruizione del corso di sociologia dei processi economici.

La prima fase potrebbe essere effettuata dopo le prime 8 lezioni e potrebbe corrispondere ad una valutazione di tipo diagnostico. La prova, costituita da quiz, dovrebbe in questo caso, permettere al docente di conoscere il livello di conoscenza negli studenti di concetti generali relativi al corso (oggetto di studio, ambiti applicativi, principali metodi di analisi) e agli studenti di acquisire consapevolezza del loro livello di preconoscenza della disciplina. La valutazione di tipo diagnostico potrebbe essere effettuata dopo le prime 8 lezioni al fine di consentire agli studenti di aver avviato, prima della valutazione, un processo di familiarizzazione con il lessico e gli argomenti del corso ed al fine di consentire al docente di capire il grado di comprensione generale dei contenuti del corso.

La seconda fase potrebbe essere realizzata dopo la fruizione delle prime 32 lezioni e potrebbe corrispondere ad una valutazione di tipo sommativo. In questo caso, gli studenti implementerebbero il loro e-portfolio con esercitazioni basate su risposte a domande aperte relative ad argomenti trattati nel corso. Il docente potrebbe valutare il grado di assimilazione dei contenuti del corso realizzata dai singoli studenti e potrebbe spronarli a realizzare, dopo aver fruito almeno del 70% delle lezioni previste, piccoli elaborati collettivi da inviare al docente.

La terza fase potrebbe essere proprio quella della valutazione degli elaborati realizzati dagli studenti in team e condivisi con il docente dopo aver fruito del 70% delle lezioni. Questa valutazione si caratterizzerebbe per il suo tratto formativo, in essa, il docente, potrebbe sottolineare i punti di forza del percorso di apprendimento realizzato dagli studenti e potrebbe, al tempo stesso, indicare le possibilità per migliorarlo ulteriormente.