Sono uno psicologo e mi interesso da sempre di metodologie didattiche sia in ambito universitario sia in ambito professionale. Da tempo sono convinto che sia necessario mettere al centro gli studenti, partire dallo loro esperienza e non considerarli una tabula rasa. Il processo di co-costruzione del sapere necessita che gli studenti siano parte attiva e creativa per essere coinvolti e ingaggiati. Il docente in questo approccio deve avere il coraggio di abbandonare la posizione di esperto e detentore del sapere per trasformarsi in un facilitatore dell’apprendimento che aiuti gli studenti a trovare il proprio percorso.

Gli strumenti informatici e tecnologici ci permettono di avere molti metodi per stimolare la connessione tra studenti e tra studenti e docenti, fornendo enormi potenzialità. Nella mia esperienza questo metodo porta grandi soddisfazione per il docente e stimola la motivazione e l’impegno degli studenti in modo decisamente superiore al tradizionale approccio “frontale”.