Ho iniziato ad insegnare in un’Università telematica da un giorno all’altro. Fino a quel momento avevo insegnato in una Università tradizionale, ricordo di aver studiato un manuale sull’utilizzo del VLE (Virtual Learning Environment) e di avere iniziato poco dopo la progettazione del corso di sociologia dei processi economici.

Solo progressivamente, sulla base di alcuni incontri di formazione e, soprattutto, sulla base dell’esperienza, ho compreso che il cambiamento, se paragonato alle precedenti esperienze didattiche, era maggiore di quanto non avessi percepito inizialmente.

EduHack mi permette di “sintetizzare” e comprendere più profondamente le differenze fino ad adesso intuite in maniera casuale e, frequentemente, non consapevole.

Definisci lo scopo, l’ambito e gli obiettivi del tuo intervento di e-learning

Cosa vuoi ottenere con questo intervento di eLearning

L’intervento di eLearning che desidero realizzare si innesta sul corso on line di sociologia dei processi economici, un corso da 12 cfu già fruibile tramite il VLE dell’Ateneo. Con l’intervento di eLearning desidero promuovere un maggiore coinvolgimento degli studenti nel processo di apprendimento e favorire l’applicabilità delle teorie proposte nel corso alla comprensione sociologica dei processi economici.

Quali tra i tuoi obiettivi di apprendimento sono misurabili in relazione allo scopo che ti sei prefissato?

L’applicabilità delle teorie e dei contenuti del corso alla comprensione sociologica dei processi economici potrebbe essere misurata tramite la valutazione di casi studio elaborati dagli studenti su specifiche problematiche economiche.

Rifletti sul tuo pubblico di riferimento e sulla sua disponibilità a prendere parte al tuo intervento di eLearning

Chi sono i tuoi studenti e qual è la loro esperienza di eLearning?

Insegnando in un ‘Università telematica e, adesso grazie ad EduHack, comprendo quanto conoscere gli studenti sia fondamentale per l’efficacia dell’apprendimento. Gli studenti del mio corso sono eterogenei per età, esperienze biografiche e contesti geografici di provenienza, la maggior parte di loro è un pubblico adulto con esperienze professionali consolidate, non mancano però, ed anzi recentemente sono in aumento, i neolaureati. L’eterogeneità degli studenti richiede in primo luogo di essere “appresa” e secondariamente una didattica “plastica”, facilmente adattabile a profili, esigenze e motivazioni molto differenti.

Cosa si aspettano di imparare dal tuo corso?

Contenuti predefiniti, teorie ma, sempre più, anche l’acquisizione di metodi di analisi.

Quali risorse tecniche hanno a disposizione?

Gli studenti dispongono del Virtual learning environment, la piattaforma che consente loro di interagire con i docenti e di fruire di materiali didattici specifici ai vari corsi, ma anche di tutors on line disponibili a supportarli nella comprensione dei materiali didattici e nell’organizzazione del loro studio.

Quale supporto tecnico è disponibile per i tuoi studenti?

Gli studenti dispongono di supporti tecnici individuali: pc, tablet, smartphone e di materiali didattici relativi ai vari corsi.

Rivedi e adatta il contenuto del tuo corso

Quali sono gli elementi costitutivi del corso in termini di materiali, risorse e attività?

Il corso è strutturato in risorse didattiche erogative (slides in ppt, video ed audio lezioni) ed in risorse didattiche interattive (esercitazioni e quiz con feedback del docente). Ogni lezione costitutiva del corso è suddivisa in una parte generale, una parte di approfondimento dei contenuti generali, una parte dedicata alla problematizzazione e definita “Questioni aperte” ed una dedicata alle “Esercitazioni”.

Come si possono adattare questi elementi costitutivi per una loro progettazione on-line

La progettazione on-line potrebbe mirare ad una maggiore partecipazione degli studenti all’elaborazione dei contenuti del corso. A questo fine potrei promuovere la costituzione di gruppi di lavoro formati da studenti e richiedere loro di approfondire contenuti specifici del corso e/o di elaborare nuove o differenti problematizzazioni. I materiali elaborati dagli studenti grazie ad esempio alla creazione di un account pinterest o di wikis potrebbero essere preliminarmente condivisi con il docente e, successivamente, aggiunti alle risorse didattiche già disponibili sul VLE.

Chi sarà responsabile di questo adattamento e avrà le risorse per farlo?

Responsabile dell’adattamento è il docente che però condivide progressivamente sempre più la sua responsabilità con gli studenti. Le risorse sono a disposizione sia del docente che degli studenti, la possibilità di aggiungere i nuovi materiali creati ai supporti didattici del corso potrebbe però restare un’attività riservata al docente.

Chi altro sarà coinvolto in questo processo?

In questo processo potrebbero essere coinvolti anche i tutors on line che potrebbero consigliare gli studenti sugli approfondimenti o i casi studio da proporre al docente e potrebbero supportarli nell’acquisizione delle competenze tecniche.

Come faciliterai l’interazione insegnante/studente e studente/studente?

Al fine di favorire l’interazione tra l’insegnante e lo studente e tra studenti potrei richiedere l’elaborazione di approfondimenti e problematizzazioni realizzate tramite gruppi di lavoro e, potenzialemente suscettibili, oltre che di una valutazione individuale, di essere aggiunti ai supporti didattici del corso.

Pianifica l’accesso e la valutazione

In che modo gli studenti accederanno agli elementi costitutivi del corso?

In questo momento, gli studenti accedono ai contenuti del corso attraverso il VLE d’Ateneo e conservano un ruolo prevalentemente “passivo”. Gli studenti potrebbero diventare loro stessi co-autori di parte dei contenuti del corso, potrebbero condividere questi contenuti con il docente creando risorse educative digitali comuni e, successivamente, potrebbero implementare le risorse ed i materiali fruibili tramite il VLE dell’Ateneo.

Hai in programma di tenere traccia delle attività degli studenti on line? Se si, come?

Attualmente le attività degli studenti sono caricate sull’eportfolio degli studenti presente nel VLE. L’eportfolio è consultabile dal singolo studente e dal docente. Le attività maggiormente creative realizzate dagli studenti potrebbero essere caricate anche nell’area “Supporti Didattici” sempre presente nel VLE, in modo da divenire fruibili da parte di tutti gli studenti del corso.

Come favorirai la valutazione del corso?

Il sistema qualità attivo nell’Ateneo prevede la somministrazione agli studenti di questionari di valutazione relativi ai vari corsi, i questionari già definiti potrebbero includere anche alcune domande relative al grado di partecipazione didattica che gli studenti, seguendo il corso, potrebbero sperimentare.