Una sintesi di chi sono, cosa faccio/ho fatto a livello di didattica accademica. Tengo corsi di traduzione IT>EN da diversi anni e ho sempre cercato di rendere il lavoro in aula partecipativo e collaborativo, perché la classe sia un’occasione per verificare e discutere conoscenze e competenze individuali ma anche soluzioni e processi traduttivi più o meno condivisi. Questo è il quarto anno che propongo un corso di Academic Writing ai dottorandi di Letterature e Culture Classiche e Moderne e a quello di Digital Humanities.

Come ricercatrice di Lingua e traduzione inglese (Dipartimento di Lingue e Culture Moderne – Unige), quest’anno sto sperimentando la tecnica del World Café insieme a flipped class (classe rovesciata) con studentesse e studenti del primo anno della Laurea Magistrale in traduzione e interpretariato (LM94). Ho preparato e condotto corsi online e blended (anche CLIL), peer- e group-work, mi piacerebbe continuare ad approfondire e lavorare su peer-evaluation, sia per la valutazione formativa che per la sommativa. Negli ultimi anni mi sono tenuta aggiornata sulla didattica e le metodologie innovative tramite le iniziative del gruppo GLIA di UniGe – l’anno scorso ho seguito il corso For.I.U. da cui ho tratto il World Café che trovo un metodo davvero interessante e funzionale anche per attivare le soft skills dell’ambito traduttivo – mi pare anche molto gradito da studentesse/i.

A presto!

Laura